LA DOCUMENTAZIONE DI INCIDENTI E COLLISIONI FORNITA DALLA TECNOLOGIA LEICA GEOSYSTEMS Lascia un commento

 

La fotogrammetria, l’approccio di geolocalizzazione e la scansione laser 3D possono essere utilizzati per catturare scene di incidenti e collisioni. Leica Geosystems è in grado di offrire soluzioni per fornire una documentazione accurata di tali scene creando un vero e proprio ‘gemello forense digitale’. Che cos’è? E’ una completa cattura della scena, preservata in formato digitale del caso a cui si sta lavorando.

Lavorare in un ambiente in mezzo al traffico può essere molto pericoloso. Per questo, Leica Geosystems ha ottimizzato le sue soluzioni per rendere più sicuro il compito di raggruppare le prove in loco. E per farlo nel modo più intuitivo ed efficiente possibile senza sacrificare flessibilità, accuratezza e completezza.

La tecnologia geospaziale Leica Geosystems fornisce soluzioni per utenti di vario tipo, aventi differenti bisogni e budgets. Queste soluzioni saranno ora presentate, dalla più semplice alla più sofisticata.

FOTOGRAMMETRIA PALMARE E COMPATTA CON IL BLK3D

Il laser scanner BLK3D è una soluzione palmare, tutto in uno, flessibile e facile da usare per la fotogrammetria. Composto da una stereo camera, dei sensori di misura ed un software. Grazie alla capacità di rilevamento dei bordi, ogni immagine catturata è una completa e precisa registrazione di misura 3D. Progettato per rilevare misure più velocemente e facilmente, è il sistema perfetto per investigatori che vogliono rilevare misure dalle fotografie con accuratezza di livello professionale.

Una volta in ufficio, le foto e le misure catturate dal BLK3D possono essere esportate dal Software Desktop BLK3D Leica. In questo modo è possibile estrapolare le misure o creare disegni 2D/3D dello scenario, mostrando oggetti, prove, veicoli e monumenti.

 

STAZIONI TOTALI MALUALI E ROBOTICHE

Per scenari troppo grandi per essere catturati accuratamente dalla fotogrammetria, le stazioni totali Leica sono una soluzione alternativa redditizia per catturare misure delle distanze e delle posizioni con grande accuratezza.  Le stazioni totali manuali sono usate con il software Leica Captivate. La stazione totale manuale TS10 offre anche la funzione AutoHeight come opzione. Questa funzione permette allo strumento di misurare, leggere e determinare automaticamente l’altezza strumentale. Le stazioni totali manuali Leica Geosystems hanno l’obiettivo di offrire la qualità maggiore, l’ investimento più contenuto e la vita più lunga rispetto agli analoghi strumenti del settore.

Grazie al recentemente introdotto sistema intelligente AutoPole AP20 Leica, usato con le stazioni totali robotiche, gli investigatori possono significativamente risparmiare tempo nel luogo dell’incidente. Questa soluzione offre letture automatiche delle altezze e consente la ricerca del target e la funzione “locking”. L’utente può aggiustare l’altezza ed inclinare la palina per raggiungere un punto nascosto, ristabilizzare velocemente la linea vista e riagganciarsi alla stazione totale robotica. Usando stazioni totali robotiche con l’AutoPole AP20, è possibile completare la documentazione dello scenario dell’incidente con grande affidabilità e minimizzando la necessità di correzioni e rielaborazioni.

 

GEOLOCALIZZAZIONE DI PRECISIONE PER MISURAZIONI POINT-TO-POINT CON GNSS

La famiglia GS18 di GNSS smart antenne offre un sistema di posizionamento, basato su satellite, versatile ed accurato. Il sistema basico di geolocalizzazione GNSS ha una sorta di antenna, conosciuta come rover. Essa si trova in cima alla palina che viene posizionata verticalmente al punto che si vuole misurare.

Nel GS18 I viene aggiunto un sistema di compensazione. In questo modo, il rover e la palina possano essere inclinati grazie all’inclinometro integrato e la piattaforma inerziale (IMU) senza influenzare l’accuratezza delle misurazioni.

Infine, grazie ad un sorprendente sistema d’immagine automatizzato, mentre si effettuano misurazioni point-to-point si può anche camminare in giro per catturare lo scenario a 2 fotogrammi per secondo. Questo significa che non si abbandona mai la scena con il fastidioso dubbio di aver dimenticato una misurazione importante. In ufficio, i dati e le immagini raccolte possono essere inviati al software Leica Captivate senza interruzioni per essere analizzati. Le immagini consentono di estrarre qualsiasi posizione di un punto con facilità

 

DOCUMENTAZIONE 3D ESAURIENTE ED IMMERSIVA CON L’RTC360

La scansione laser 3D ha rivoluzionato la documentazione degli scenari degli incidenti. Una raccolta di dati più veloce ed efficiente è solo l’inizio: usando le soluzioni Reality Capture di Leica, è possibile creare un ‘gemello forense digitale’ dello scenario. Questo consente di catturare i dati velocemente, ed in seguito lavorare sulle proprie ipotesi in un ambiente virtuale sicuro.

L’alta performance 3D del laser scanner RTC360 combinata con il Leica Cyclone FIELD360 ed il software per ufficio è la soluzione all’avanguardia per un flusso di lavoro senza sforzo e senza interruzioni. Con questa strumentazione puoi catturare una rappresentazione 3D della scena dell’incidente in tempo reale che gli utenti potranno esaminare in seguito. Questo tipo di documentazione è conosciuta appunto come il ‘gemello forense digitale’. Il quale consente la conduzione di investigazioni più complete e processi in tribunale più risoluti.

Il laser scanner RTC360 permette di catturare scansioni 3D di alta qualità ad un ritmo di 2 milioni di punti per secondo e li arricchisce con immagini High-Dynamic Range (HDR). Così una intera nuvola di punti può essere registrata in meno di 2 minuti. Per di più, il sistema può registrare automaticamente i movimenti dello scanner nella posizione successiva usando il Visual Initial System (VIS) integrato e così preregistrare scannerizzazioni sul campo.

Adesso, grazie alla velocità ed all’agilità dell’RTC360 il lavoro viene svolto più velocemente. Per di più si ha la possibilità di rimuovere automaticamente le persone dalle nuvole di punti.

Dopo aver aggiunto commenti o etichette addizionali sul campo, è possibile pubblicare direttamente i dati dal Cyclone FIELD 360 al Leica TruView Cloud per condividerli con altri membri del team. Altrimenti, è possibile procedere direttamente verso il Cyclone Register 360 per creare il ‘gemello forense digitale’.

Ad ogni modo, il software di rilevamento scientifico, come il Leica Map360 può integrare i dati delle scansioni raccolte direttamente con, ad esempio, materiale CCTV, immagini ed altri documenti rilevanti creando modelli per analisi ed ipotesi.

Le soluzioni Leica Geosystems sono:

  • TOTALIZZANTI 

Il gemello forense digitale creato sulla scena dell’incidente consente alle entità investigative di avere una chiara visuale della scena e delle prove da differenti angolazioni.

  • DECISIVE

Gli strumenti forniti da Leica Geosystems per le investigazioni sugli incidenti forniscono solide basi per prendere decisioni risolute.

  • CAUTELARI

La tecnologia Leica Geosystems consente di raccogliere i dati più velocemente in ambienti pericolosi senza sacrificare l’accuratezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.