telecamera a infrarossi per la verifica dell'isolamento termico

Come puoi sapere se alla tua casa manca l’isolamento termico? Lascia un commento

L’isolamento termico degli edifici rappresenta una questione cruciale nell’ambito dell’efficienza energetica e del comfort abitativo. In un’epoca dove la sostenibilità ambientale e il risparmio energetico sono al centro dell’attenzione, la corretta gestione dell’isolamento termico degli edifici assume un ruolo fondamentale.

Un isolamento inefficace può portare a una serie di problematiche non solo dal punto di vista energetico, con un conseguente aumento dei costi di riscaldamento e raffreddamento, ma anche per quanto riguarda la qualità della vita all’interno degli ambienti abitativi.

La presenza di umidità eccessiva e variazioni di temperatura tra le diverse stanze sono solo alcuni dei segnali che indicano un isolamento termico inadeguato. In questo contesto, diventa essenziale comprendere le cause, identificare le soluzioni più efficaci e utilizzare le tecnologie appropriate per garantire un isolamento ottimale, contribuendo così a creare edifici più sostenibili, efficienti e confortevoli.

Segnali di cattivo isolamento termico

Il cattivo isolamento termico in un edificio si manifesta attraverso vari segnali, spesso sottovalutati, ma che possono avere impatti significativi sia sul comfort abitativo sia sull’efficienza energetica.

Tra i sintomi più evidenti vi sono:

  1. Correnti d’aria fredda: la presenza di correnti d’aria fredda all’interno di un ambiente è uno dei primi indizi di un isolamento non ottimale. Questi spifferi si avvertono spesso vicino a finestre, porte o altri punti di ingresso, indicando la presenza di infiltrazioni d’aria.
  2. Variazioni di temperatura tra le stanze: un altro segnale di cui tener conto è la differenza di temperatura tra una stanza e l’altra. Se alcune aree della casa sono notevolmente più fredde o più calde rispetto ad altre, ciò può suggerire che l’isolamento non è uniforme o efficace in tutto l’edificio.
  3. Bollette energetiche elevate: un aumento inspiegabile dei costi energetici può essere un sintomo di isolamento insufficiente. La perdita di calore attraverso pareti, soffitti, pavimenti e aperture può portare a un maggiore consumo di energia per mantenere una temperatura confortevole all’interno dell’edificio.
  4. Formazione di muffa e condensa: l’umidità e la formazione di muffa, in particolare attorno a finestre e angoli delle pareti, sono spesso il risultato di discontinuità strutturale. Questi problemi possono non solo danneggiare la struttura dell’edificio, ma anche causare problemi di salute agli abitanti.
  5. Rumori esterni: un isolamento termico inadeguato può spesso coincidere con un cattivo isolamento acustico. Se i rumori esterni sono facilmente udibili all’interno, ciò può indicare che le barriere isolanti non sono sufficientemente efficaci.
  6. Sensazione di freddo nonostante il riscaldamento: anche con il riscaldamento acceso, se si avverte comunque una sensazione di freddo, ciò può indicare che il calore prodotto viene disperso rapidamente.

Questi segnali, se rilevati, richiedono un’attenzione immediata.

Tecnologie di verifica dell’isolamento termico

La verifica dell’isolamento termico degli edifici è un processo fondamentale per garantire efficienza energetica e comfort abitativo. Tradizionalmente, questa verifica si basa su un’analisi visiva e su test manuali per rilevare problemi come ponti termici, infiltrazioni d’aria e umidità.

L’utilizzo delle termografia a infrarossi si distingue come uno strumento rivoluzionario, in grado di fornire una mappatura termica dettagliata dell’edificio, evidenziando le aree problematiche con grande precisione e facilità. Questa tecnologia, rappresentata da modelli innovativi come il FLIR ONE Pro per iOS e Android USB-C e il FLIR C5, ha trasformato il modo in cui professionisti e tecnici approcciano la verifica e il miglioramento dell’isolamento termico.

Le termocamere FLIR rappresentano una soluzione tecnologica avanzata e altamente efficace per l’identificazione dei problemi di isolamento termico negli edifici. Questi strumenti, grazie alla loro capacità di rilevare le variazioni di temperatura attraverso l’imaging termico, permettono di visualizzare in modo chiaro e immediato le aree dove si verificano perdite di calore, ponti termici, infiltrazioni d’aria e umidità.

 

Le aree comuni in cui è probabile che manchi l’isolamento sono:

  1. lo spazio attorno alle prese e agli interruttori;
  2. i bordi dei solai dove le pareti esterne incontrano il tetto;
  3. i garage al grezzo, che se collegati al resto della casa possono aspirare enormi quantità di calore durante l’inverno.

L’isolamento nelle cavità delle pareti può inoltre depositarsi nel tempo, causando la comparsa di fessure e di conseguenze delle discontinuità strutturali.

Risolvere il problema dell’isolamento mancante è quindi essenziale per migliorare le qualità termiche della tua casa. Grazie all’utilizzo delle termocamere ogni proprietario di casa può verificare in autonomia la mancanza di isolamento e rivolgersi ad esperti di settore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.